cagliari1943

cagliari1943

In occasione dell’anniversario dei bombardamenti su Cagliari avvenuti durante il secondo conflitto mondiale, verrà proiettato Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento il film realizzato dal documentarista Stefano Sernagiotto e dallo storico Giampaolo Salice ed edito da Khorakhané.

La proiezione, che si terrà il 17 febbraio 2020 alle ore 10:00 nella Chiesa di Santa Chiara a Cagliari, è organizzata dall’associazione Sant’Anna. Tutti i dettagli della manifestazione si trovano nella locandina dell’evento.




Visualizza la scheda del film


Vedi il trailer del Film

Nel 2015 l’Associazione Khorakhané ha edito il documentario dal titolo “Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento“, di Stefano Sernagiotto e Giampaolo Salice. Il documentario, esito di un lavoro di ricerca durato oltre tre anni, si fonda sulla raccolta di circa 40 ore di interviste ai testimoni dello sfollamento e su un impegnativo scavo archivistico condotto su fonti locali, nazionali e internazionali. Dalla mole di informazioni collezionata per la realizzazione del documentario è nato anche un saggio, pubblicato dalla rivista scientifica Polo Sud. Il saggio, firmato da Giampaolo Salice, è disponibile all’indirizzo che segue.

Alcuni sfollati nel paese di Sant’Andrea Frius (anni ’40 del Novecento)

Memorie di uno sfollamento a Samatzai

Nuovo appuntamento dedicato al nostro documentario Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento che verrà proiettato il prossimo venerdì 29 luglio 2016, nello spazio antistante la chiesa di Santa Barbara a Samatzai. La serata, organizzata dalla Pro Loco samatzese, sarà introdotta dalla giornalista Francesca Madrigali che, dopo la proiezione, coordinerà il dibattito con gli autori del documetario e il pubblico presente. L’ingresso è libero e gratuito.

Il documentario

Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento nasce da un’idea di Giampaolo Salice, storico dell’età moderna specialista nei temi dello spopolamento rurale e della colonizzazione interna, ed è realizzato grazie alla regia del documentarista Stefano Sernagiotto nell’ambito di un progetto dell’Associazione Khorakhané co-finanziato dalla Fondazione di Sardegna.
Il documentario è l’esito di un lavoro durato circa 3 anni, sintesi di quasi 40 ore di interviste, dello studio di decine documenti reperiti in Archivi pubblici e privati, locali, nazionali e internazionali, di materiale fotografico inedito donato dalle tante famiglie coinvolte.

Consulta la scheda del documentario

Scarica la locandina dell’appuntamento

La mappa delle memorie orali

L’appuntament2016 Presentazione Sfollamento Nuraminiso

Nuovo appuntamento dedicato al nostro documentario Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento che verrà proiettato il prossimo giovedì 14 luglio 2016, nella Piazza San Pietro di Nuraminis dalle 21. La serata, organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Nuraminis, sarà coordinata da Francesca Madrigali che guiderà il dibattito con gli autori e il pubblico, previsto subito dopo la proiezione.

Il documentario

Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento nasce da un’idea di Giampaolo Salice, storico dell’età moderna specialista nei temi dello spopolamento rurale e della colonizzazione interna, ed è realizzato grazie alla regia del documentarista Stefano Sernagiotto nell’ambito di un progetto dell’Associazione Khorakhané co-finanziato dalla Fondazione di Sardegna.
Il documentario è l’esito di un lavoro durato circa 3 anni, sintesi di quasi 40 ore di interviste, dello studio di decine documenti reperiti in Archivi pubblici e privati, locali, nazionali e internazionali, di materiale fotografico inedito donato dalle tante famiglie coinvolte.

Consulta la scheda del documentario

Scarica la locandina dell’appuntamento

La mappa delle memorie orali

Label_DVDNel 1943 pesanti bombardamenti anglo-americani si abbatterono su Cagliari: i morti furono migliaia, i danni materiali incalcolabili, tragico l’impatto sulla vita dei superstiti. In poche settimane, quasi centomila cagliaritani abbandonarono la città e si riversarono disordinatamente negli entroterra isolani.

Il prossimo 10 giugno 2016, presso la Mediateca del Mediterraneo di Cagliari, verrà presentato il documentario dal titolo Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento, che ricostruisce l’epico spopolamento della città e la dispersione dei suoi abitanti verso la campagna.

Cagliari 1943. Memorie di uno sfollamento nasce da un’idea di Giampaolo Salice, storico specialista nei temi di spopolamento e colonizzazione rurale, ed è realizzato grazie alla regia del documentarista Stefano Sernagiotto nell’ambito di un progetto dell’Associazione Khorakhané co-finanziato dalla Fondazione di Sardegna.

Attraverso le testimonianze dei protagonisti dello sfollamento e grazie a una puntuale ricerca d’archivio, il documentario ricostruisce l’incontro del mondo cittadino con quello paesano, che superando secolari pregiudizi e mescolandosi all’ombra della guerra diedero vita a un’esperienza sociale che li avrebbe cambiati entrambi.

La presentazione, organizzata col patrocinio del Comune di Cagliari, si ricollega alle manifestazioni con cui nel 2013 il Comune celebrò il settantesimo anniversario dei bombardamenti sulla città.

A coordinare la serata sarà la giornalista Francesca Madrigali. L’ingresso è libero e gratuito.

Immagine anteprima YouTube

Memorie di uno sfollamento è il progetto a cura dell’associazione Khorakhané che racconta l’abbandono di Cagliari nel 1943 e la dispersione di decine di migliaia di cittadini nei villaggi della campagna sarda. Una ricerca condotta attraverso testimonianze orali, fonti archivistiche nazionali e internazionali e le fotografie: una documentazione di grande bellezza che sarà il nucleo fondativo di una banca dati digitale per lo studio di uno dei fenomeni di abbandono più significativi degli ultimi mille anni.

Anche tu puoi contribuire al nostro progetto. Se possiedi fotografie che ritraggono gli sfollati, Cagliari e i paesi sardi negli anni Quaranta scrivici all’indirizzo di posta elettronica:  asso.khorakhane@gmail.com. Saremo lieti di scannerizzare le foto direttamente a casa tua, senza doverle prendere in prestito.

Così la tua storia diventerà protagonista di una vicenda che ha lasciato tracce indelebili nella coscienza collettiva e ha cambiato per sempre il rapporto tra città e campagna.

Maggiori informazioni sul progetto:
La mappa degli sfollamenti
Rassegna stampa
Anteprima a Cagliari

Lo sfollamento dei cagliaritani nel 1943 è il tema al centro del lavoro di raccolta delle testimonianze orali e documentarie che da quasi due anni portiamo avanti insieme al documentarista Stefano Sernagiotto e in collaborazione con l’associazione Khorakhané.
Domenica 7 settembre alle ore 10 a Mandas presenteremo l’anteprima del documentario dal titolo Memorie orali di uno sfollamento, che costituisce uno dei prodotti di questa appassionante ricerca. Un lavoro incentrato sia sulle testimonianze dei cagliaritani che dovettero abbandonare la città aggredita dai bombardieri anglo-americani, sia su quelle dei paesani che offrirono loro rifugio in campagna, sia infine sulla documentazione d’archivio inedita reperita negli archivi locali, nazionali e internazionali.
L’anteprima verrà presentata nell’ambito del Festival letterario D.H. Lawrence, giunto alla sua VIII edizione (consulta il programma).

Festival Lawrence 2014

città

città Cagliari

Rappresentazione delle città e committenza delle élite urbane nella Sardegna d’età moderna sono i temi al centro del sesto incontro di Storie e protagonisti di luoghi scomparsi, rassegna organizzata da Khorakhané col patrocinio del Comune di Cagliari.

Venerdì 30 maggio dalle 16 al Search di Cagliari, Marcello Schirru, assegnista di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambiente e Architettura dell’Università di Cagliari, parlerà delle ricadute in termini di produzione architettonica, urbanistica ed estetica delle strategie di affermazione sociale di diversi esponenti dell’élite sarda tra il ‘600 e il ‘700.

Mauro Salis, dottore di ricerca in storia dell’arte dell’Università di Cagliari, rifletterà invece sulle fonti iconografiche modello della rappresentazione di profili e porzioni di città presenti nei dipinti sardi d’età moderna. Salis proverà inoltre a indagare se gli agglomerati urbani rappresentati si riferiscano a contesti reali o siano piuttosto soluzioni compositive “immaginate” dal pittore.

L’incontro, libero e gratuito, sarà coordinato da Anna Maria Montaldo, direttore dei Musei civici del Comune di Cagliari.

Scarica il CALENDARIO di Storie e Protagonisti di Luoghi Scomparsi

 

Il_ponte_degli_angeli_by_Scipione_1930

Continua Storie e protagonisti di luoghi scomparsi, la rassegna di incontri culturali promossa dall’Associazione culturale Khorakhanè con il patrocinio del Comune di Cagliari.
Il fascino scomparso dei dipinti della Scuola Romana e le vicende insediative delle città nordafricane saranno al centro del prossimo incontro, previsto per venerdì 16 maggio dalle 16 nella sala conferenze del SEARCH in Largo Carlo Felice n. 2 a Cagliari.

La storica dell’arte Rita Pamela Ladogana, ricercatrice del Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio dell’Università di Cagliari, racconterà Roma attraverso l’estetica della Scuola Romana. Dalla città serena e ordinata dei pittori del ritorno all’ordine, alla “stridente ed arrossata” atmosfera di Scipione e Mafai, una Città Eterna religiosa e sensuale rivive nelle tele dei vedutisti, prima che il frastuono della modernità arrivasse a travolgerla.

L’ingegnere e architetto Silvia Mocci, assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambiente ed Architettura dell’Università di Cagliari, illustrerà alcuni “archetipi di città”, proponendo una interessante interpretazione delle vicende insediative nordafricane sviluppatesi tra gli anni ’50 e ’60 del XX secolo. Partendo dalla concezione iniziale dei progetti urbani, la relatrice mostrerà le trasformazioni e le profonde metamorfosi sopraggiunte.
L’incontro sarà coordinato dallo storico Stefano Pira, docente di storia moderna dell’Università di Cagliari e studioso di storia urbana.

Scarica il calendario della manifestazione

Vai alla barra degli strumenti