In ocasioni de is tzelebrassionis pro santu Sidori, patronu de is massajos, su 19 de Maju de is oras 18, s’at a fàghiri in Nuràminis un atòbiu de sa sèrie ‘Contus‘ de Khorakhané.

At a intervènniri s’istòricu de s’Arti Mauro Salis de s’Universidadi de Casteddu. At a faeddari de comenti su cultu de
Santu Sidori est arribbadu a innoi dae Madrid, de is genias de rapresentatzionis artìsticas chi ammustrant a Santu Sidori e chi
acumpangiant sa devossioni a su Santu in Nuràminis e in totu sa Sardigna.

Gràtzia a su progetu ‘Fotografica‘ s’at a pòdiri visitai una mostra pitica dedicada a is festas religiosas de Nuràminis.
S’atobiu e sa mostra iant a èssiri in pratza de Domu Mata in Nuràminis.
A pustis de s’atobiu Khorakhane at a cumbidari a totus una tasa de binu.

Su manifestu de sa manifestatzioni innoi.

In occasione delle celebrazioni per Sant’Isidoro, patrono dei contadini, il 19 maggio dalle ore 18 si terrà a Nuraminis un incontro della serie Contus di Khorakhané. Interverrà lo storico dell’arte Maurso Salis dell’Università di Cagliari che illustrerà tempi e traiettorie attraverso i quali il culto del Santo è giunto in Sardegna da Madrid. Grazie al progetto Fotografica sarà visitabile una piccola mostra dedicata alle feste religiose di Nuraminis. L’incontro si terrà nella casa Matta a Nuraminis e verrà seguito da un rifresco.

L’ingresso è libero e gratuito.

città

città Cagliari

Rappresentazione delle città e committenza delle élite urbane nella Sardegna d’età moderna sono i temi al centro del sesto incontro di Storie e protagonisti di luoghi scomparsi, rassegna organizzata da Khorakhané col patrocinio del Comune di Cagliari.

Venerdì 30 maggio dalle 16 al Search di Cagliari, Marcello Schirru, assegnista di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambiente e Architettura dell’Università di Cagliari, parlerà delle ricadute in termini di produzione architettonica, urbanistica ed estetica delle strategie di affermazione sociale di diversi esponenti dell’élite sarda tra il ‘600 e il ‘700.

Mauro Salis, dottore di ricerca in storia dell’arte dell’Università di Cagliari, rifletterà invece sulle fonti iconografiche modello della rappresentazione di profili e porzioni di città presenti nei dipinti sardi d’età moderna. Salis proverà inoltre a indagare se gli agglomerati urbani rappresentati si riferiscano a contesti reali o siano piuttosto soluzioni compositive “immaginate” dal pittore.

L’incontro, libero e gratuito, sarà coordinato da Anna Maria Montaldo, direttore dei Musei civici del Comune di Cagliari.

Scarica il CALENDARIO di Storie e Protagonisti di Luoghi Scomparsi

 

Le città e i villaggi della Sardegna conservano autentici tesori d’arte, dei quali spesso non si conoscono nè gli artefici, nè le ragioni per cui furono realizzati. Il prossimo sabato 16 febbraio, Mauro Salis, storico dell’arte dell’Università di Cagliari, ci guiderà alla scoperta di questo affascinante capitolo della storia sarda, proponendo al pubblico di Storia e storie di Khorakhané i più recenti risultati di ricerche condotte nei principali archivi europei.

DOVE? Nuraminis, salone Montegranatico (VEDI MAPPA)

QUANDO? Sabato 16 febbraio 2013, dalle ore 18.15

CHI? Mauro Salis è laureato in Storia dell’arte, collabora con il Dipartimento di Scienze Archeologiche e Storico-artistiche dell’Università di Cagliari, presso il quale è dottorando in Fonti scritte. È stato consulente della Presidenza della Regione Sardegna per la progettazione e realizzazione del portale dei beni culturali SardegnaCultura. La sua attività di ricerca si focalizza sullo studio della scultura lignea e marmorea tra XVI e XVII secolo nel bacino del Mediterraneo, con particolare riferimento alla circolazione di artisti e opere tra Penisola iberica, Sardegna e Italia meridionale.

101-0137_IMG