In ocasioni de is tzelebrassionis pro santu Sidori, patronu de is massajos, su 19 de Maju de is oras 18, s’at a fàghiri in Nuràminis un atòbiu de sa sèrie ‘Contus‘ de Khorakhané.

At a intervènniri s’istòricu de s’Arti Mauro Salis de s’Universidadi de Casteddu. At a faeddari de comenti su cultu de
Santu Sidori est arribbadu a innoi dae Madrid, de is genias de rapresentatzionis artìsticas chi ammustrant a Santu Sidori e chi
acumpangiant sa devossioni a su Santu in Nuràminis e in totu sa Sardigna.

Gràtzia a su progetu ‘Fotografica‘ s’at a pòdiri visitai una mostra pitica dedicada a is festas religiosas de Nuràminis.
S’atobiu e sa mostra iant a èssiri in pratza de Domu Mata in Nuràminis.
A pustis de s’atobiu Khorakhane at a cumbidari a totus una tasa de binu.

Su manifestu de sa manifestatzioni innoi.

In occasione delle celebrazioni per Sant’Isidoro, patrono dei contadini, il 19 maggio dalle ore 18 si terrà a Nuraminis un incontro della serie Contus di Khorakhané. Interverrà lo storico dell’arte Maurso Salis dell’Università di Cagliari che illustrerà tempi e traiettorie attraverso i quali il culto del Santo è giunto in Sardegna da Madrid. Grazie al progetto Fotografica sarà visitabile una piccola mostra dedicata alle feste religiose di Nuraminis. L’incontro si terrà nella casa Matta a Nuraminis e verrà seguito da un rifresco.

L’ingresso è libero e gratuito.

citta

Storie e protagonisti di luoghi scomparsi è il nuovo ciclo di appuntamenti organizzato da Khorakhané, col patrocinio del Comune di Cagliari e il coordinamento scientifico di Marcello Schirru e Giampaolo Salice. Sette appuntamenti dedicati ai luoghi dell’urbanità e alle vicende di uomini e donne che hanno contribuito a dare loro forma, contenuto, significati.

La prospettiva storica è il binocolo grazie al quale scrutare i processi sociali e progettuali che hanno inventato i luoghi, facendone il deposito degli sforzi organizzativi del potere politico e lo specchio degli atti di resistenza alla omologazione e all’accentramento. Si parlerà di luoghi abbandonati, distrutti o invisibili al frettoloso sguardo contemporaneo, del loro essere (stati) spazi di mediazione culturale e di trasformazione sociale.

La rassegna, ospitata nei più importanti spazi culturali della Cagliari candidata a capitale europea della cultura, si avvale del prezioso contributo di specialisti di varie discipline, messe tra loro in relazione per favorire la divulgazione e l’apertura al contributo del pubblico.

Architettura, storia dell’arte, urbanistica, storia sociale e archeologia saranno i punti di osservazione su un panorama di biografie, rituali, espressioni d’arte e d’architettura che hanno reso le reti urbane europee (e Cagliari) uno straordinario concentrato di atti di invenzione, conservazione, rimozione e riconversione delle identità e delle appartenenze, sia collettive che individuali.

Scarica il CALENDARIO di Storie e Protagonisti di Luoghi Scomparsi

[mappress mapid=”4″]

Vai alla barra degli strumenti