Vai alla barra degli strumenti

Il sardo-campidanese protagonista del primo incontro di Storia e Storie di Khorakhané

nave_shardan

Il sardo campidanese sarà la lingua protagonista del primo incontro del ciclo dedicati alla storia dell’insediamento in Sardegna e organizzato dall’associazione Khorakhané. Dalle ore 18 del 20 gennaio 2013, nel salone Montegranatico di Nuraminis [MAPPA], Daniele Carta, archeologo, terrà una lezione dal titolo Sinnus de sa presentzia de s’omini in is terras de s’antiga Curadoria de Nuraminis de sa Preistoria a s’Edadi arromana

Sa Chistioni. Sa chistioni pigada in arrexoni po custu attobiu est cussa de is mudas de sa trassa de s’insediamentu in is terras de s’antiga Curadoria de Nuraminis (chi prus o mancu pigàt su logu de is comunus de oi de Furtei, Nuraminis, Samassi, Samatzai, Seddori e Serrenti) de is sinnus prus antigus de sa Preistoria, po arribbai a s’Edadi nuraxesa e ai cussa cartaginesa e arromana, ponendi in luxi is sighiduras e is linias segadas, castiendi is memorias archeologigas prus mannas de su logu.

Daniele Carta bivit in Serrenti. Dottori in Archeologia e Istoria de s’Arti, at iscrittu e presentau tott’e duas is tesi de laurea cosa sua (sa de tres annus e sa magistrale) imperendi sa lingua sarda, at pigau parti a unu scant’e isgavus archeologigus e istudius de su logu in is comunus de: Casteddu, Crabonia, Isili, Muristeni, Nuragus, Nuraminis, Pau, Serrenti, Settimu. A oi est a su sigundu annu de sa Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici de s’Universidadi de Casteddu. Sa chistioni chi prus d’interessat est cussa de sa Civilidadi nuraxesa.

La relazione. La tematica affrontata in questa occasione è quella dell’evoluzione delle scelte insediative nel territorio dell’antica Curatoria di Nuraminis (approssimativamente corrispondente agli attuali territori comunali di Furtei, Nuraminis, Samassi, Samatzai, Sanluri e Serrenti) dalle prime tracce di Età preistorica, passando poi all’Età nuragica e a quella punico-romana, evidenziandone continuità e discontinuità attraverso l’analisi delle principali testimonianze archeologiche del territorio.

Daniele Carta vive a Serrenti. Dottore magistrale in Archologia e Storia dell’Arte, ha scritto e discusso entrambe le tesi di laurea. (triennale e magistrale) utilizzando la lingua sarda, ha preso parte a diversi scavi archeologici e prospezioni nei comuni di: Cagliari, Carbonia, Isili, Monastir, Nuragus, Nuraminis, Pau, Serrenti, Settimo S.Pietro. Attualmente è specializzando presso la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università di Cagliari. Suo principale campo di interesse è la Civiltà nuragica.

Articolo creato 172

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − nove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto